lunedì 12 dicembre 2016

Ti racconto | La magica medicina e Il GGG di Roald Dahl


Titolo: La magica medicina
Autore: Roald Dahl
Traduttore: P. Forti
Illustratore: Q. Blake
Editore: Salani
Collana: Istrici d'oro
Pagine: 123 p. , Rilegato


George è un bambino di otto anni e ha una nonna insopportabile, una vecchietta bisbetica che lo assilla continuamente con le sue angherie. Un giorno la madre di George lo lascia solo con la nonna, ricordandogli di darle la sua medicina. George coglie l'occasione al balzo e decide di prepararle una medicina molto speciale per vedere se riesce a cambiare almeno un po' il suo caratteraccio...Ci riuscirà? 


Titolo: Il GGG
Autore: Roald Dahl
Traduttore: D. Ziliotto
Editore: Salani
Collana: Gl'istrici
Anno edizione: 2008
Pagine: 223 p. , Brossura


Sofia si sveglia nel cuore della notte e vede dalla finestra una figura gigantesca. Ma è proprio un gigante quello? Prima che possa realizzare cosa sta succedendo, una mano enorme la strappa fuori dal letto e la porta con sé nel paese dei giganti. Sofia ha il terrore di essere inghiottita in un solo boccone ma non sa che in realtà si trova di fronte al GGG, il Grande Gigante Gentile, un buffo personaggio che parla in modo strampalato e si nutre solo di cetrionzoli. 

Quest'anno si celebrano i 100 anni dalla nascita di Roald Dahl.
Roald Dahl è stato un grandissimo scrittore per bambini e ragazzi (...e non solo, aggiungerei io) e proprio in occasione di questo anniversario Salani Editore ha deciso di ripubblicare i volumi di questo autore, dedicandogli una nuova collana. Tutti i volumi sono arricchiti dalle meravigliose illustrazioni di Quentin Blake e hanno una grafica curata in ogni dettaglio; il nuovo logo infatti è un aeroplanino di carta che richiama il passato da pilota di Roald Dahl e in qualche modo simboleggia anche il volare con la fantasia, con la mente. 
I primi due libri che ho deciso di rileggere sono La Magica Medica e il Il GGG,
Allora, devo dire che La Magica Medicina, pur non essendo tra i miei preferiti di sempre, è assolutamente in perfetto stile Roald Dahl, ho ritrovato esattamente l'autore che conoscevo. E' divertente, pungente, quell'ironia cattiva e dissacrante così caratteristica. Scherza con le parole, ne crea di nuove e si inventa animali giganti. Tra l'altro il libro è dedicato 'ai medici di tutti il mondo', ironizzando ancora una volta sul ruolo e soprattutto sul potere di questa figura. 
L'altro libro che ho riletto - anche in vista del film che uscirà a fine dicembre - è Il GGG. Ecco, questo è senz'altro uno dei miei preferiti. Secondo me non ci sono molte parole per descriverlo, va assolutamente letto per apprezzarlo al meglio. C'è tutto: divertimento, giochi di parole, tenerezza, avventura, paura del diverso perché non lo conosciamo. 
Io personalmente adoro Roald Dahl e piano piano voglio rileggere tutte le sue opere perché per me rappresentano un pezzetto di infanzia. Molti suoi libri mi sono stati letto quando era piccola (Le Streghe, Gli Sporcelli, Il GGG) e leggerli adesso, soprattutto leggerli autonomamente, mi fa apprezzare questo autore ancora di più. 
Roald Dahl ha la grandissima capacità di divertire il lettore, di qualsiasi età per giunta, giocando con le parole, con il linguaggio. Quando sei un bambino e leggi (o ti fai leggere) i suoi romanzi è come se la realtà intorno a te andasse in pausa, ti ritrovi catapultato in un altro mondo popolato da giganti e animali enormi ed è divertente da morire.  Nei suoi racconti c'è sempre questa ironia, questo sarcasmo pungente (spesso anche cattivello)  che da adulto comprendi veramente fino in fondo e ti fa apprezzare ancora di più l'incredibile capacità di giocare con le parole, scomporle, ricomporle e creare doppi sensi unici. Molti dei personaggi creati da Roald Dahl provengono dalla sua infanzia, dalle sue esperienze personali. Il suo mondo viene manipolato dalla fantasia, tutto viene edulcorato ed esagerato tanto da creare mondi pazzeschi, divertenti, personaggi strambi e -qualche volta- al limite del grottesco. 

11 commenti:

  1. Ciao! Com'è che io ancora non conoscevo questo autore? Mi hai incuriosito tantissimo, soprattutto per La magica medicina!
    Anche se sono letture per bambini e ragazzi mi sembra di capire che sono caratterizzate da un'ironia dissacrante che tanto mi piace!
    Voglio assolutamente leggerli, me li segno subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un grande scrittore per ragazzi che dovrebbe essere letto anche dagli adulti :)

      Elimina
  2. Pur essendo Matilda (il film) un pilastro della mia infanzia, incredibilmente non ho mai letto nulla di Dahl. Eppure ormai è tanto che mi riprometto di farlo... Magari lo metto tra i buoni propositi per l'anno nuovo, anche perché questo tuo post mi ha ulteriormente invogliata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Matilda è uno dei miei preferiti e anche il film mi piace un sacco :D

      Elimina
  3. Roald Dahl per me significa infanzia, bellezza, inquietudine e ricordo. Il mio primo libro è stato James e La Pesca Gigante.
    Meraviglioso, a dir poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, voglio assolutamente rileggerli tutti :)

      Elimina
  4. Adoro Roald Dahl !! I miei preferiti sono La fabbrica di cioccolato e Matilda ;)

    RispondiElimina
  5. Ma sai che anch'io in questo momento vorrei tanto rileggere Dahl? Anche per me rappresenta un pezzetto d'infanzia e sarei davvero curiosa di riprenderlo adesso e rileggerlo con occhi nuovi. Ho tirato giù tutti i suoi libri che avevo, adesso devo solo leggerlixD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre un buon momento per Roald Dahl :)

      Elimina
  6. Dovrei decidermi a rileggerlo anch'io :) Ne ho letti soltanto tre e una vita, ma Il GGG e Le Streghe sono due libri che ho veramente adorato! Magari prima del film riuscirò a rileggere almeno il primo :)

    RispondiElimina