sabato 29 aprile 2017

Book Tag 25 domande sui libri

Dunque dunque, sono stata taggata da Maria del blog Capitolo Zero in questo tag troppo carino. Tra l'altro casca proprio a pennello, perché ho appena finito di leggere dei libri veramente belli, tanto che son tre giorni che ci giro intorno e non trovo le parole per parlarne. Quindi, mentre raccolgo le idee mi sembra giusto trastullarmi con i tag troppo carini.  Come in tutti i tag che si rispettino ci sono delle regole da seguire, vediamo di non fare casino come al solito. Le regole sono:
1. Nomina almeno 5 blog a cui fare le domande
2. Cita sempre chi ha creato il tag, in questo caso Racconti dal passato
3. Nomina e ringrazia il blog che ti ha nominato. Come ho detto la carinissima Maria di Capitolo Zero Blog
4. Usa come immagine quella in cima a questo post

1.Come scegli i libri da leggere?
Di solito mi affido alle recensioni che trovo in giro su youtube, blog, goodreads anobii et similia (quanto sono social). Credo veramente siano una fonte preziosissima nonché una miniera di titoli e autori da scoprire. Difficilmente scelgo un libro totalmente a scatola chiusa e se lo faccio mi affido al mio sesto senso e mezzo (che ovviamente non sempre ci prende). Comunque solitamente sono molto testarda e se mi viene in mente che devo leggere esattamente quel libro esattamente in quel momento deve essere così o qualcuno ne pagherà le conseguenze.

2.Dove compri i libri: in libreria o online?
Preferisco comprarli in libreria per una serie di motivi che qualsiasi lettore potrà facilmente comprendere. C'è tutto un rituale sacrosanto nell'andare in libreria, guardare i libri, sfogliarli e contemplarli giusto per quelle 4-5 ore assolutamente necessarie (roba che il malcapitato che vi accompagna cerca modi meno dolorosi di uccidersi). Però devo dire che da quando mi sono trasferita all'estero compro soprattutto online. Sia perché acquisto principalmente ebook, sia perché fanno sempre queste fantastiche offerte a pochi euro, che scatenano il mio desiderio di comprare cose totalmente a caso (trattato sulla condizione dei Bonobo in Congo a 2 euro? Mio assolutamente)

3.Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?
Dipende. Teoricamente ho la scorta, roba che avrei libri da leggere anche nel caso di un'apocalisse zombie. Però è anche vero che mi piace leggere un libro che ho appena comprato, quindi direi una diplomatica via di mezzo.

4.Di solito quando leggi?
Sostanzialmente quando ho tempo. Mi piace leggere la sera prima di andare a dormire, però dipende, a volte ho così sonno che collasso sbavando sul libro, quindi insomma, quando ho tempo. Ultimamente sto leggendo in metro tra uno spostamento e l'altro (combattendo duramente per la conquista di un posto che vecchietti scansatevi).

5.Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?
No, dai. Però se un libro è particolarmente voluminoso e so che in quel periodo sono davvero molto impegnata e ho poco tempo per leggere (riferimenti a fatti riguardanti la mia attuale situazione sono puramente casuali), scelgo magari di leggerlo in un periodo in cui sono un po' più libera per godermelo di più.

6.Genere preferito?
Oddio mi mette sempre in crisi questa domanda, non so mai cosa rispondere. In realtà non mi piace la letteratura di genere (ecco, l'ho detto che liberazione). Però insomma, cerco di leggere un po' tutto senza farmi condizionare.

7.Hai un autore preferito?
Non ho un autore preferito in assoluto. Ce ne sono diversi che mi piacciono molto. Alcuni sono quelli che quando pubblicano un libro nuovo mi fiondo a comprarlo subito tipo corsa 100 metri di Bolt, altri sono quelli morti e sepolti che vorrei tanto tornassero in vita per scrivere ancora e ancora e ancora. Dovessi dirne due assolutamente random direi Ammaniti e Salinger.

8.Quando è iniziata la tua passione per la lettura?
Non saprei, mi piaceva leggere quando ero piccola e non ho più smesso. Non nel senso che leggo ininterrottamente da quando avevo 5 anni, però insomma quasi. Sicuramente un po' di merito - colpa? - è di mia mamma e della maestra Maria, la mia insegnante di prima elementare.

9.Presti libri?
Dipende da chi me li chiede. Li presto solo a persone di cui mi fido, ovviamente. E faccio firmare un patto di fedeltà col sangue, nulla di che. (No scherzo, però ci vado vicina)

10.Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?
Invidio quelle persone che riescono a leggere quattro o cinque libri alla volta, io proprio non ci riesco. Preferisco leggere un libro alla volta, sono monogama.

11.I tuoi amici/famigliari leggono?
Sì soprattutto mia mamma, grande lettrice e accumulatrice seriale. Da qualcuno avrò pur preso no?

12.Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?
Dipende dal libro, chiaramente. Posso finirlo in pochi giorni (ma anche in mezza giornata lo ammetto) o trascinarmelo dietro per mesi.

13.Quando vedi una persona che legge (ad esempio sui mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?
Come no, perché c'è qualcuno che non lo fa? Sono una piccola stalker, sbirciare sempre e comunque con tanto di collo a mo' di giraffa e occhi fuori dalle orbite (che eleganza eh).

14.Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto quale sarebbe?
No dai, non si fa. Che domanda è? E' come chiedere a un genitore quale figlio preferisce.

15.Perché ti piace leggere?
Non mi sono mai posta la domanda in modo serio. E' parte di me, semplicemente.

16.Leggi libri in prestito (da amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?
Se leggessi solo libri che possiedo sarai probabilmente povera. Felice sì, ma povera. In Italia praticamente vivevo in biblioteca (ci ho anche lavorato per un anno, quindi sì, ecco...Non è esattamente un modo di dire). Adesso non mi faccio fermare dalla distanza e con il prestito digitale leggo tranquillamente ebook in prestito. Viva la tecnologia, che bello essere poveri.

17.Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?
Ce ne sono diversi perché non mi faccio troppi scrupoli ad abbandonare un libro. Life is too short per leggere libri brutti. Sicuramente Novecento di Baricco. Non che sia un libro brutto eh, però non me ne vogliate ma io proprio con Baricco non ce la faccio, non ci capiamo.

18.Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attrae nella copertina di un libro?
Allora, in realtà  no. Cioè non è che scelgo i libri solo ed unicamente per la copertina. Magari scelgo un'edizione piuttosto che un'altra se la copertina mi piace di più. Poi visto il mio feticismo per le edizioni particolari/rare/carine/simpatiche/con disegni a caso meravigliosi, allora sì è la fine.

19.C’è una casa editrice che ami particolarmente, e perché?
Ce ne sono tante in realtà, dalle più piccole indipendenti ai grandi colossi.

20.Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni “al sicuro” dentro casa?
Certo che li porto dappertutto. Tra l'altro probabilmente sono più al sicuro in spiaggia o sull'autobus che in casa mia (giuro non sono disordinata, è che i buchi neri si generano da soli ogni giorno). E poi di solito leggo sul kindle che ho sempre in borsa.

21.Qual è il libro che ti hanno regalato che hai gradito maggiormente?
Ce ne sono diversi. Il primo che mi è venuto in mente è Il Piccolo Principe. Non è tra i miei preferiti devo essere sincera, ma mi è stato regalato da mia cugina quando avevo nove anni, perché 'un bambino non può non aver letto il piccolo principe'. E aveva ragione.

22.Come scegli un libro da regalare?
In base ai gusti della persona a cui devo regalarlo, direi. E' capitato anche che regalassi un libro che era piaciuto tanto a me, però solo se conosco bene la persona e so che verrà apprezzato. Nel caso in cui fossi costretta a regalare un libro, tipo che mi puntano una pistola alla testa e mi dicono regala un libro a un perfetto sconosciuto (uno scenario molto plausibile tra l'altro) sceglierei qualcosa di Roald Dahl o un bel classicone.

23.La tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?
La mia libreria in Italia certo come no, ordinatissima. In scala cromatica proprio. No, è decisamente un casino. Tra l'altro non ho una singola libreria, ne ho due o tre sparse. Ci fu stato (in un remoto regno) un tempo in cui i libri avevano un senso, sistemati per casa editrice ma è solo un ricordo lontano. Qua ho eliminato direttamente il problema perché ahimè non ho una libreria. Ma ci lavorerò (o mi butteranno fuori di casa, più probabile).

24.Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?
Sì, anche se di solito le leggo a capitolo terminato per non guastarmi la lettura.

25.Leggi eventuali introduzioni, prefazioni e postfazioni dei libri o le salti?
Se le introduzioni o prefazioni sono state scritte da autori che mi piacciono molto o di cui ho grande stima sì, le leggo subito e con piacere, altrimenti salto direttamente al primo capitolo e poi recupero la prefazione a lettura ultimata, per chiarire meglio i  concetti. Nel caso di classici o libri di autori molto conosciuti le leggo sempre, per capire il quadro d'insieme, dove siamo e di cosa stiamo parlando. In generale comunque sono importanti per capire meglio l'opera, quindi sì le leggo sempre.


Come sempre la sintesi non è il mio dono e come sempre sono una ribelle nell'anima. Non taggo cinque persone ma sentitevi tutti taggati, è sempre bello leggere le abitudini (o manie, o feticci...) di altri lettori.  

2 commenti:

  1. Ciao Viola, sono felice che tu abbia fatto questo book-tag. Oltre a farmi piacere leggere le tue risposte, mi sono anche divertita tanto!
    Condividiamo un bel po' di cose, ad esempio l'incompatibilità con Baricco. Questo autore o lo si ama o lo si odia. Io lo odio!
    Comunque..4-5 ore in libreria???? Se lo facessi io con i malcapitati che mi accompagnano sarebbero loro ad uccidere me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, giusto infatti prima o poi farò una brutta fine :D

      Elimina